fad ecm computer ricetta elettronicafarmacista33.it . - Ecm, Commissione Nazionale: saranno 30 i crediti formativi previsti dal bonus relativo al Dossier formativo; riduzione per i professionisti colpiti dal sisma del 2016 e 2017.
Sul filo di lana del semestre finale per il completamento degli obblighi formativi del triennio in scadenza, arrivano buone notizie per i farmacisti: è stato portato a 30 crediti formativi, dai 10 previsti, il bonus relativo al Dossier formativo individuale e di gruppo, mentre, per i professionisti sanitari domiciliati o che svolgono la propria attività presso i comuni colpiti dal sisma del 2016 e 2017, viene ridotto il debito formativo per il triennio 2014-2016 e dimezzato l'obbligo per il triennio 2017-2019. A stabilirlo sono due delibere adottate nel corso della riunione del 25 luglio dalla Commissione nazionale per la formazione continua (Cnfc) e riportate in due comunicazioni dell'Agenas.

interno di farmaciafarmacista33.it - Parafarmacie, il Movimento nazionale liberi farmacisti sottolinea i risultati postivi del 2018 e chiede all'Aifa di considerare uno switch regolatorio. Per quanto si faccia "di tutto per dimostrare che le parafarmacie sono in crisi, i dati reali dicono esattamente il contrario: il 2018 è stato un anno di crescita". A sottolinearlo con forza è una nota del Movimento nazionale liberi farmacisti (Mnlf) in cui si richiamano i dati diffusi da Assosalute, Osmed e Iqvia. "Nel comparto dei farmaci d'automedicazione le farmacie registrano volumi di vendita tutto sommato stabili (-0,3%), mentre le parafarmacie presentano volumi in netto aumento (+4,9%) con i corner della Gdo che hanno una brusca frenata (-10,7%) - riporta Mnlf - Guardando ai valori le cose sono ancora più nette: le farmacie registrano fatturati in aumento (+2,7%), mentre è più robusto l'aumento per le parafarmacie (+7,9%) e forte la contrazione per la GDO (-7,6%). È del tutto evidente - è il commento - che la presentazione di dati non segmentati, come fatto recentemente nel rapporto Osmed, si presta a una lettura superficiale e non del tutto chiara dell'andamento del mercato".

cartello farmaciafarmacista33.it-Il numero delle farmacie italiane, in controtendenza con l'Europa, cresce (+433 dal 2013), la maggioranza (59%) continua a essere di proprietà di un singolo farmacista, il fatturato è composto per il 60% da farmaci con ricetta e, nel 2018, è sceso di 1,3 punti percentuali rispetto al 2017. Questi alcuni aspetti della situazione economica delle farmacie raccolti nel documento finale su La farmacia italiana 2018-2019" pubblicata da Federfarma.

L'impresa farmacia, fatturato e margine
Il documento racconta di "impresa farmacia" che mantiene ancora la forma di ditta individuale: "il 59% delle farmacie è gestito sotto forma di ditta individuale, il proprietario è un singolo farmacista, il 41% appartiene a società di farmacisti". I titolari di farmacia e i soci di società titolari di farmacia sono complessivamente oltre 21.000, e ci sono poi 444 farmacisti associati in partecipazione e 2.257 farmacisti collaboratori di impresa familiare. La situazione, si legge nel documento, è "destinata a cambiare profondamente" con la Legge sulla Concorrenza che lo si ricorda, "permette alle società di farmacisti di essere titolari di un massimo di 4 farmacie nella provincia in cui hanno sede legale" e "introduce la possibilità per le società di capitale di essere titolari di farmacia e consente la creazione di catene di farmacie".