• Via De Gasperi 22, 60125 Ancona
  • In sede: Lunedì 15,30-19,30 dal Martedì al Giovedì 09.15-13.15 - Venerdì per urgenze cell. 3398651877
Ordine dei Farmacisti della provincia di Ancona

Turni farmacie

farmacie di turno

Editoriale

Circolari

Chi siamo

L'Ordine è un "Ente di diritto pubblico non economico" i cui provvedimenti hanno carattere di "atti amministrativi" sottratti al controllo esterno di legittimità. È dotato di autonomia organizzativa e di regolamentazione, ed è retto da un Consiglio direttivo composto da un numero di membri calcolato in rapporto al numero degli iscritti.

Continua a leggere

FOFI

fofi

croce farmaciafarmacista33.it-Patto salute, Federfarma: Roberto Tobia spiega le ragioni del no alla farmacia non convenzionata e alla digitalizzazione di tutte le ricette. Per quanto d'accordo sull'obbligo della figura del farmacista nei luoghi di cura in cui si dispensano farmaci, rigettiamo del tutto le proposte di una farmacia non convenzionata come trasformazione delle attuali parafarmacie e dell'estensione della digitalizzazione a tutte le ricette ripetibili e non. Queste le osservazioni rilasciate a Farmacista33 da Roberto Tobia, segretario di Federfarma nazionale, a margine del suo intervento nel secondo giorno della maratona per il Patto per la salute, in corso al ministero della Salute, sulle proposte portate dalle sigle di rappresentanza delle parafarmacie.
«Non si può pensare a una trasformazione di un esercizio di vicinato in una farmacia - ha spiegato Tobia - sono attività nate per sfruttare un'opportunità commerciale e avviate con criteri di tipo commerciale a cominciare dalla scelta della posizione in cui aprirle. Questo presupposto scardinerebbe il sistema della pianta organica, che risponde a esigenze di servizio al cittadino e garantisce la sostenibilità della farmacia.

caduceofarmacista33.it-Patto salute, parafarmacie: da Fnpi e Federfardis la proposta di istituzione della figura del direttore e della farmacia non convenzionata. Valorizzare la parafarmacia come ulteriore interfaccia per l'accesso alla salute uniformando i servizi offerti su tutto il territorio, prevedere la figura del farmacista direttore di parafarmacia, istituire la farmacia non convenzionata per consentire a tutti i farmacisti di dispensare tutti i farmaci non mutuabili. Queste le proposte presentate, rispettivamente, dalla Federazione delle parafarmacie italiane e da Federfardis.
«I farmacisti che operano nelle parafarmacie sono percepiti dai cittadini come un ulteriore interfaccia per l'accesso alla salute - ha affermato Davide Gullotta, presidente Fnpi - le parafarmacie sono diventate un presidio sul territorio apprezzato e scelto quotidianamente dal cittadino. Con la legge Cresci Italia le parafarmacie hanno requisiti tecnici amministrativi che di fatto le assimilano ai requisiti di sicurezza e qualitativi delle farmacie, garantiscono la tracciabilità del farmaco, fanno farmacovigilanza, gestiscono la Rev, hanno le ispezioni deontologiche dell'ordine e applicano il Gdpr per la privacy. Ma solo in alcune regioni le parafarmacie offrono il servizio di Cup, il ritiro dei referti, la dispensazione dei presidi per diabetici, invalidi, allettati, diabetici e celiaci».

caduceo farmacista donnafarmacista33.it-Patto salute, Fofi: il presidente Andrea Mandelli illustra le aree di intervento, contenute nella proposta della Federazione, per valorizzare la figura del farmacista. Tornare in possesso dei farmaci innovativi, valutare nuove forme di occupazione nel Ssn, implementare il dossier farmaceutico, istituire un piano nazionale di prevenzione, partecipare alla battaglia contro l'antibiotico-resistenza. Queste le aree in cui è possibile valorizzare la figura del farmacista, indicate dal presidente della Fofi, Andrea Mandelli, nel corso dell'incontro al Ministero della Salute per la stesura del nuovo Patto per la Salute, in cui è intervenuto con un documento elaborato dalla Federazione. «Ho chiesto a Grillo - ha sintetizzato Mandelli, a margine del suo intervento, secondo quanto riporta l'house organ della Fofi - di far tornare i farmaci innovativi sul territorio valutando una nuova remunerazione e di valutare nuove forme di occupazione per i farmacisti che sono indispensabili all'interno del Ssn. Ho poi voluto ricordare l'importanza della prevenzione e quanto possa essere fondamentale in tal senso il ruolo dei farmacisti. Ho sottolineato la necessità di implementare il dossier farmaceutico e mettere in contatto tutti i professionisti della salute su un'autostrada digitale che metta il paziente al centro, E, per ultimo, ho voluto ricordare quanto sia importante che l'Italia partecipi a quella battaglia di civiltà mondiale contro l'antibiotico resistenza».

© Ordine dei Farmacisti della provincia di Ancona 2007-2019 - Powered by SpoonDesign & Studiofarma